«Così di solito ritroviamo negli altri i nostri contenuti diventati inconsci» (Jung)

«Così di solito ritroviamo negli altri i nostri contenuti diventati inconsci» (Jung)

«Così di solito ritroviamo negli altri i nostri contenuti diventati inconsci» (Jung – Saggio su Wotan, 1936, Opere 10)

«Quindi, se preferiamo non farci ingannare dalle nostre stesse illusioni, dovremo analizzare accuratamente ogni forma di fascinazione per ricavarne, come quintessenza, un frammento della nostra personalità, e ci renderemo a poco a poco conto che, lungo il cammino della vita, non facciamo che incontrare sempre di nuovo noi stessi, sotto mille travestimenti.»
(Jung – Psicologia della Traslazione, 1946 – Opere 16, pp.314)

Il meccanismo psichico della Proiezione. Che cos’è?

È uno dei fenomeni più discussi e rivoluzionari della mente umana scoperti dalla psicologia. Come molti altri fenomeni psicologici anche questo ha un fortissimocorrelato neurofisiologico.

Si possono proiettare molti contenuti psichici, ma è bene ricordarsi che noi non facciamo una proiezione, ovvero che non è un fenomeno cosciente, bensì inconscio, per cui la proiezione avviene, è data, scatta.

Vicinissimo al fenomeno di proiezione troviamo inscindibile la fenomenologia di quei nuclei di personalità più o meno autonomi chiamati in psichiatria e psicologia (Janet e Jung) 

Ma ora, come al solito, vi lasciamo a questo post un pò lunghetto dove a parlare saranno i grandi, che di tale fenomeno hanno scritto volumi e volumi intrisi di dati clinici, ricerca ed esperienza personale.

Durante tutto il post lascerò anche alcuni principali e fondamentali libri sulla proiezione, come questo qui sotto che rappresenta una perla unica e rara sulla descrizione e il funzionamento del meccanismo di proiezione.

La proiezione: psicologia di una dinamica inconscia

“Se provate a indicare qualcuno tenendo la mano dritta davanti a voi, vi accorgete che un dito è puntato verso l’altra persona ma tre sono rivolte verso di voi: questo può servire a ricordarvi che quando denigriamo gli altri in realtà stiamo solo negando un aspetto di noi stessi.” (Illumina il tuo lato Oscuro – Debbie Ford. Macro Edizioni 2012, p.46)

 

Continua a leggere su Jung Italia….

«Così di solito ritroviamo negli altri i nostri contenuti diventati inconsci» (Jung) ultima modifica: 2019-03-04T18:14:34+00:00 da TuttiFuori.net

Commenti