Prese il pane….

C’è una cosa di questa quarantena, di questi mesi passati in questa anomala condizione di vita casalinga o quasi, che mi ha colpito sin da subito ed e’ la produzione di pane e l’annessa vendita di farina e lievito.

Se da una primissima riflessione superficiale si può pensare che l’ aumento del tempo a disposizione abbia attivato in molti connazionali questo spirito di panificazione, dall’altra non ho potuto immediatamente non pensare che dietro alla produzione del pane si nascondesse, neanche bene, un archetipo, un simbolo qualcosa di estremamente antico.

Le Origini del pane sono più o meno datate intorno a 10-8.000 anni fa. Il pane è presente nelle immagini di Cristo durante l’ultima cena, nel miracolo delle nozze di Cana e in tantissime altre immagini  iconografiche. Il pane è un elemento simbolico dell’uomo, e’ la vita ed è un modo  antico per sopravvivere.
NeI racconti dei nostri nonni sulla guerra si parlava del  pane nero, pane fatto con le farine di bassa qualità … e poi la coda per il pane ….
“Mangiare pane e acqua”, “Il pane non si butta”, “il pane non va messo al contrario sul tavolo perché porta sfortuna“, “dammi almeno un tozzo di pane”, “il pane non deve mancare”.

Sono tantissimi gli aspetti culturali e linguisticI connessi al pane  e credo che la produzione casalinga che moltissimi di noi, di voi ha intrapreso in queste settimane rappresenti un aspetto regressivo su una dimensione simbolica vitale arcaica. Il pane come alimento base, la certezza da cui ripartire, la semplicità antica che ci indica come la vita vada avanti anche nelle rinunce. Nel nostro DNA ci sono tutte le tracce dei nostri antenati e questa esperienza nuova di isolamento e di riduzione degli stimoli ha inevitabilmente attivato in noi antiche risorse emotive e di cui non eravamo neanche consapevoli.
Il pane  fatto in casa ci ricorda che possiamo farcela che ce la faremo anche questa volta a superare questo doloroso e faticoso periodo.

Prese il pane…. ultima modifica: 2020-05-01T15:55:24+00:00 da Cristina Cazzola

Commenti